Talpa Romana

talpa-romana

La talpa romana è un mammifero soricomorfo della famiglia dei Talpidi.

Ha diffusione nell’Italia centro-meridionale, anche se si sta estendendo verso il settentrione e nella Francia meridionale.

diffusione-talpa-romana

Lunga più di 18 cm, pesa anche 150 gr.
La pelliccia è folta, nera, lucida e setosa: ricopre anche la palpebra che è fissa.
A differenza delle altre specie presenti in Italia, ha una corporatura massiccia con zampe anteriori lunghe e di forma cilindrica che come il muso non sono coperte di peli. Il muso ha l’estremità di colore rosso e presenta lunghe vibrisse.

La talpa romana si presta a colonizzare i più disparati tipi di terreno, anche quelli più sabbiosi: dalle zone in prossimità del mare a quelle montane oltre i 2000 metri. Per tale motivo il ritmo di attività è influenzato dalle variazioni locali e stagionali: soprattutto le estati torride, tipiche del clima mediterraneo, comportano un rallentamento dell’attività in funzione della temporanea carestia.
I ritmi biologici variano in funzione delle stagioni e del tipo di terreno, rallentando in corrispondenza del periodo estivo torrido e secco, tipico del clima mediterraneo, durante il quale è molto difficile reperire il cibo, a differenza delle altre specie di talpe che risiedono in zone con clima a carattere più continentale.
La dieta è di ampio spettro (lombrichi, insetti, larve, chilopodi, molluschi…) e varia a seconda sia della stagione che degli ambienti.